Skip to main content

Risultato della filosofia popolare, i proverbi Genovesi sono massime sagge tratte da usi e costumi della tradizione del popolo ligure, che esprimono in modo sintetico dei concetti più profondi o comunque dettati dall’esperienza comune.

Sei sicuro di conoscere abbastanza proverbi simpatici in genovese?

Le più famose frasi in genovese con traduzione

Il dialetto genovese ha origini molto antiche che fondano le loro radici sul latino, ma ha anche contaminazioni legate a lingue celtiche e indoeuropee.

Nonostante sia molto antico, è ancora molto utilizzato soprattutto dagli anziani (e dai marinai).

Abbiamo così deciso di raccogliere i migliori proverbi genovesi sul meteo, sul mare, sulla famiglia, sugli animali e sui marinai.

Leggi le 21 più famose frasi in dialetto ligure.

Dai un’occhiata qua sotto alla nostra selezione dei proverbi liguri (e prova a indovinarli senza leggere la traduzione).

‘Na bonn-a repûtassion a vä ciû de ûn milion

Traduzione: Una buona reputazione vale più di un milione

Significato: una buona reputazione è la cosa più importante

Sciúsciā e sciorbî no se pêu

Traduzione: Soffiare e sorbire non si può (non si possono fare due cose contemporaneamente)

Significato: non si possono fare due cose contemporaneamente

Chi veu stâ ben piggie o mondo comme ven

Traduzione: Chi vuol star bene, prenda il mondo così come viene

Significato: bisogna accontentarsi di ciò che si ha

Sbaglia finn-a o præve in to a dî messa

Traduzione: Sbaglia anche il prete a dire la messa

Significato: nessuno è perfetto

No guasta chi non fa ninte

Traduzione: Solo chi non fa niente non commette errori

Significato: bisogna sempre mettersi in gioco

Chi veu vedde ün cattïo, fasse arraggiâ ûn bon

Traduzione: Chi vuol vedere un vero cattivo, faccia arrabbiare un buono

Significato: I buoni, quando si arrabbiano, sono i peggiori

Con o bon tempo semmo tûtti mainæ

Traduzione: Con il bel tempo, siam tutti marinai

Significato: Quando le cose son facili, siamo tutti capaci a farle

Chi perde a mattina’ perde a giorna’

Traduzione: Chi perde la mattina, perde tutta la giornata

Significato: Chi perde la mattinata, perde tutta la giornata

No se peu beive e scigoa

Traduzione: Non si può bere e fischiare

Significato: Non si possono fare due cose contemporaneamente

Chi due levre caccia, unn-a a fuzze e l’atra a scappa

Traduzione: Chi caccia due lepri: una fugge e l’altra scappa

Significato: Non si possono fare due cose contemporaneamente

A bella de Torriggia con çento galanti a l’è morta figgia

Traduzione: La bella di Torriglia con cento fidanzati è morta zitella.

Significato: La bella di Torriglia con cento fidanzati è morta zitella.

Se n’accorziemo a-o frizze, se saiàn pèsci o anghille.

Traduzione: Ce ne accorgeremo nel friggere, se saranno pesci o anguille.

Significato: Certe constatazioni si possono fare soltanto a tempo debito.

Ògni cäso into cû o fa anâ un passo avanti

Traduzione: Ogni calcio nel sedere fa fare un passo avanti

Significato: sbagliando si impara

A moæ di belinoin a l’é de longo gräia

Traduzione: La mamma degli imbecilli è sempre incinta

Significato: il mondo è pieno di cretini

Scinché e prie anian a-o fondo, d’abbelinæ ghe ne saià delongo

Traduzione: Finchè le pietre affonderanno, gli sciocchi non mancheranno

Significato: il mondo è pieno di sciocchi

Vâ ciù un zeneise inte un dio che un foestê cäsou e vestio

Traduzione: Vale più un Genovese in un dito che un forestiero calzato e vestito

Significato: i Genovesi sono i migliori

O meize de çiòule o ven pe tûtti.

Traduzione: Il mese delle cipolle viene per tutti.

Significato: I giorni del pianto, inevitabilmente, vengono per tutti

Chi l’é stæto brûxòu da l’ægua cäda, à puia da freida ascî.

Traduzione: Chi è stato bruciato dall’acqua calda, ha paura anche della fredda.

Significato: Chi è rimasto scottato, in vita propria, riuscirà a guarire con difficoltà

Meschinn-a quella cà donde a gallinn-a canta e o gallo taxe.

Traduzione: Sfortunata quella casa dove la gallina canta ed il gallo tace.

Significato: È infelice la casa in cui comanda la donna e non l’uomo (un tempo l’uomo era l’indiscusso capo della famiglia, tutto dipendeva da lui, quindi era ritenuto disdicevole e dannoso che ʽavesse voce in capitolo’ la donna). Quando le cose non vanno come dovrebbero e le persone non svolgono il proprio ruolo, allora si creano molti problemi e molta confusione.

No ghé bella reuza ch’a no divente ûn grattacû.

Traduzione: Non c’è bella rosa che non diventi un grattacapo.

Significato: la bellezza è un valore ben effimero.

Chi l’é troppo bon o l’é ûn mincion.

Traduzione: Chi è troppo buono è uno sciocco.

Significato: Nella vita, chi è troppo buono, rischia di rimanere fregato.

I detti Genovesi in immagini

Ecco alcune immagini dei più significativi detti liguri in dialetto.

Salva e pubblica le immagini di questi proverbi famosi dove preferisci.

Modi di dire genovesi: conclusioni

Ecco una serie di proverbi genovesi divertenti, volgari e famosi. Tutti con traduzione.

Conosci altre massime divertenti in genovese?

Scrivi nei commenti tutti i proverbi simpatici che conosci e li pubblicherò nell’articolo!

Andrea Semonella

Ciao, sono Andrea! Sono nato a Genova e ci abito ancora; ho vissuto a Milano, Londra e Siviglia. Ho una dipendenza da Internet e una passione per il digital marketing. Mi piace Fabrizio De Andrè, la focaccia e le trofie al pesto.

2 commenti

  • Faccio i complimenti per il sito e propongo altri tre proverbi, chiedendo scusa in anticipo per le imprecisioni nella grafia.
    “L’è megio e braghe sguaræ ‘nt’o cû, ch -o cû sguaròu int’e braghe”
    “Chi piscia contra o vento, o se bagna i pe”
    “Meschinn-a quella cà donde a gallinn-a canta e o gallo taxe”

  • Andrea ha detto:

    Grazie Marco per il tuo commento, ho inserito questi detti simpatici all’interno dell’articolo.

    Un caro saluto,
    Andrea

Lascia un commento